Mi chiamo Chuck. Ho diciassette anni. E, stando a Wikipedia, soffro di un disturbo ossessivo-compulsivo

by: Aaron Karo

4,5 / 5

(2) Read the reviews
Mi chiamo Chuck. Ho diciassette anni. E, stando a Wikipedia, soffro di un disturbo ossessivo-compulsivo
Author: Aaron Karo

Translated by: M. Rossari

Publisher: Giunti Editore

Series: Y

Deastore.com price (info) $ 15.83

Shipping Costs: 0€ FREE Shipping by Standard Mail Details

Format: Hardback

Publication date: 2012

This Product is Available
This item is available
Usually shipped within: 11 working days (info)
ISBN: 880975980X ISBN 13: 9788809759800

Mi chiamo Chuck. Ho diciassette anni. E, stando a Wikipedia, soffro di un disturbo ossessivo-compulsivo by Aaron Karo

Charles, detto Chuck, ha diciassette anni e si lava le mani continuamente, controlla anche cento volte di seguito che le piastre dei fornelli siano spente e non va mai a dormire senza aver fatto la pipì fino allo sfinimento. Ha un amico del cuore, Steve, l'unico a cui confida le sue stramberie e una sorella, Beth, bella, normale e piena di amici che lo ignora fino a negargli persino l'amicizia su Facebook. La sua giornata è costellata dalla ripetizione di gesti, regole maniacali che lui stesso si è imposto per non perdere del tutto il controllo di sé. E poi ci sono le Converse: ne possiede decine di paia di ogni colore che ha abbinato ai vari stati d'animo. Converse rosse: arrabbiato; gialle: nervoso e così di seguito. I genitori, però, sono sempre più preoccupati e, nonostante le rimostranze di Chuck, decidono di spedirlo da una psichiatra. L'arrivo di una nuova compagna di classe e il desiderio di aiutare il suo amico bullizzato convinceranno Chuck a prendere sul serio i suoi sintomi e a iniziare una terapia. Top page

General info

Publisher & Imprint: Giunti Editore

Pages: 288

Top page Departments: Modern & contemporary fiction (post c 1945); General fiction (children’s/ya);

Record updated at: 21 August, 2014 time: 19:31

Your comments

2 comments available Mi chiamo Chuck. Ho diciassette anni. E, stando a Wikipedia, soffro di un disturbo ossessivo-compulsivo

Average customer review:  

4,5 / 5

4 / 5


Read the reviews Rss
  1. made_by ( 12 April 2012 )

    5 / 5

    Charles, detto Chuck, ha diverse ossessioni, fisse, riti, manie, che lui chiama “routine” o “le sue cose”. Questi riti e manie consistono ad esempio nel controllare più e più volte le piastre elettriche della cucina, girare sempre 14 volte il lucchetto del suo armadietto a scuola, andare in bagno diverse volte prima di andare a dormire, abbinare il colore di Converse all' umore del giorno, oltre all' ossessione della simmetria, dell' ordine, della pulizia e tante altre cose assurde. In particolare la mania di lavarsi le mani di continuo lo spinge a cercare informazioni su Wikipedia. In questo modo si rende conto di soffrire di un disturbo ossessivo-compulsivo. Così i suoi genitori decidono di mandarlo da una psichiatra. Grazie a questo, ma soprattutto grazie all' arrivo di Amy, una nuova ragazza che attira subito la sua attenzione, le cose iniziano a cambiare. Chuck cercherà di guarire per lei, ma scoprirà che la cosa fondamentale è riuscire a guarire per se stesso. Il modo di narrare è molto “moderno”, anche per l' uso di termini “giovani”. In genere queste cose mi innervosiscono abbastanza, ma in questo caso non mi è sembrata una cosa forzata, fatta apposta, anzi, mi è parsa molto naturale e anche logica all' interno del contesto. Invece mi ha stupito il fatto che ci siano anche alcuni riferimenti che tanto moderni non sono. Cioè, penso sia un po' strano che un diciassettenne di adesso sappia dell' esistenza di cose come “Bayside school” o “Tron”. A me comunque, che sono più grandicella, questi riferimenti in particolare hanno fatto piacere. Quando ho letto “Tron” non ci potevo credere, ho dovuto rileggere la frase più e più volte! (Anche se io sono più fissata con “Tron Legacy”, che quello sì, è molto recente, piuttosto che con “Tron”). Io di sicuro non sono ai livelli di Chuck, ma qualche ossessioncina assurda del genere che ha lui ce l' ho pure io, e forse ce l' hanno un po' tutti, quindi mi ci sono molto ritrovata in questo libro. È stato un tantino preoccupante, ma anche divertente. Allo stesso tempo è un romanzo molto dolce, in fondo positivo ed emozionante, cosa che non mi aspettavo. È carinissimo e piacevolissimo, fa provare svariate emozioni a seconda del particolare momento che Chuck sta vivendo.
  2. made_by ( 06 April 2012 )

    4 / 5

    Nonostante lo sconcerto iniziale (voglio dire, inizia con il conteggio delle seghe che si è fatto in un anno XD) il libro mi è piaciuto molto: un anomalo coming of age, vissuto da un diciassettenne attraverso la volontà di sconfiggere le proprie manie ossessivo-compulsive per riconquistare la ragazza dei suoi sogni, miracolosamente materializzatasi a lezione di matematica a metà anno scolastico, e il suo migliore (unico) amico, tradito dalla vigliaccheria e dall'egocentrismo di Chuck. Quel che mi ha piacevolmente stupito è stato l'approccio al disagio psicologico: si mostra senza falsi pudori la necessità dell'intervento di un terapeuta, e senza pudori la necessità a volte coincidente di prendere medicinali come mezzo per spianare la strada a una terapia che solo i paziente può decidere e impegnarsi a praticare per sconfiggere i propri demoni - piccoli o grandi. Per sé, come capisce Chuck alla fine: nemmeno la ragazza più dolce del mondo o l'amico migliore possono essere il motivo per migliorare e guarire, per vivere in maniera più piena: è essere sé stessi al meglio il traguardo e insieme la spinta.

Add your comment

Add a review - Highlight this book to a friend

Please login or register to send your review

Top page

Buying in deastore.com
is safe!